Data

dal 11/02/2017 al 12/02/2017

Responsabili Ranzato Pier Paolo / Fabbian Mario

28530rifugiofanes inverno Dalla località Armentarola in Val Badia si raggiunge con una strada la Capanna Alpina 1726 m.

Dal grazioso rifugio inizia l'escursione con le ciaspole, si segue una traccia in leggera salita, all'interno di una fitta mughetta (sentiero CAI 11) che attraversa il Plan de la Forca. L'itinerario prosegue con maggior pendenza alle pendici della Cima da Lago, e supera sulla destra una profonda forra, creata dal rio Sarè, inerpicandosi con stretti tornanti, protetti da palizzate in legno, che consentono con un pò di fatica di raggiungere il Col Locia 2069 m. (circa 1 ora) Dal valico con alcuni dolci saliscendi si prosegue lungamente, in direzione del Passo Tadega 2143 m. Immersi in un paesaggio silenzioso e immacolato, l'itinerario con le ciaspole continua praticamente orizzontale, sulla sinistra si potranno ammirare il monte Cavallo, il monte Castello, la Furcia Rossa ed il Vallon Bianco. Raggiunta la Malga Fanes Grande 2102 m. (circa 3 ore). dopo una breve sosta si prosegue in leggera salita, in direzione del Passo di Limo 2174 m. Favoloso panorama sull'Alpe di Fanes e su tutte le vette che la delimitano. Dal Passo si scende con alcuni facili tornanti verso i rifugi Lavarella 2042 m. e Fanes 2060 m ( nostra meta ). Per il ritorno si ripercorrerà la stessa via della salita.

Condizioni permettendo: proseguiremo dietro il rifugio Lavarella per traccia che sale con regolari serpentine sul sovrastante Pian di Salines (sentiero CAI 7). Raggiunto il candido e vergine altipiano, ad un bivio, si prosegue a destra, con una traccia che punta a nord in direzione del passo di S. Antonio (sentiero CAI 13). Traversato tutto il Pian di Salines, alle pendici del Monte Sasso Nove, a circa quota 2250 m. si raggiunge la base delle pareti del Monte Sella di Fanes.