Data

23/02/2020

Responsabili Moreno Moratti - Nevio Bressan

IMG 20200215 133949 l Monte Verena è la dominante cima su cui gli italiani costruirono un forte da cui venne sparato il primo colpo di cannone il 24 maggio 1915. Moltissimi colpi vennero sparati sui vicini forti Austriaci, ma i risultati furono modesti. Fu peraltro il forte che subì viceversa il devastante tiro degli obici Skoda dell'impero A.U. che lo resero inservibile. Rimane la testimonianza di quel periodo. La salita non comporta particolari difficoltà, in caso di nuvole o nebbia difficoltà orientamento. La discesa avverrà per strada militare.
Dal parcheggio degli impianti (Rifugio Verenetta m 1654) , si scende per strada alla Casara Campovecchio  1593 m. Da qui si prende la mulattiera che sale di fronte alla malga (sentiero 820) e ,  attraversato un bosco di abeti, in breve porta alla Croce del Civello 1697 m . Si continua su strada forestale deviando poi a destra su mulattiera e,  oltrepassate le casere Verena (1695 m) si arriva alla  Malga dei Quarti Verena (1654 m). Su strada silvo-pastorale si procede in direzione Nord-Est  poi,  per sentiero verso Nord-Ovest, si sale il versante Sud del monte Rossapoan 1890 m.  In direzione Ovest si arriva al terzo tornante della strada del Forte, lungo la quale si raggiunge la cima del Monte Verena (2015 m).  Si scende per la strada militare, prima affrontando alcuni tornanti,  poi incontrando i ruderi delle ex caserme, fino a ritornare  alla Croce del Civello e al punto di partenza. Con una deviazione a destra,  si evita di scendere alla Casara Campovecchio e si arriva direttamente al parcheggio.