Data

30/06/2018

Responsabili Antonio Rettore - Rossana Fiumicetti
Telefono/email 049 9301212
Difficoltà E
Dislivello 450 mt
Tempi 5h 30'
Abbigliamento Adeguato alla stagione
Iscrizioni In sede CAI, entro il mercoledì precedente l'escursione
Mezzo di Trasporto Mezzi propri
Ritrovo Ore 07:00 al parcheggio di Via Cordenons - Camposampiero
Esposizione Breve tratto con corda fissa
Cartografia Tabacco, foglio 058
Quota massima 2050 mt
Localita di partenza Passo Brocon
Quota di partenza 1615 mt

Trodo dei fiori rid Al Passo Brocon si può arrivare dalla Valsugana salendo da Castel Tesino.

Il sentiero CAI - SAT nr. 396, conosciuto come "Trodo dei Fiori" (dove Trodo sta per sentiero), inizia sul Passo Brocón (1615 mt), accanto all'Albergo Pizzo degli Uccelli, e sale per ripidi pascoli puntando alla forcella (1880 mt) che separa il Pizzo degli Uccelli (a destra) dal Col del Boia. Da questa forcella si può arrivare sulla cima del Col della Boia (2066 mt) per sentiero molto panoramico che segue la rocciosa linea di cresta del colle solcata da una trincea di guerra (breve tratto attrezzato con corda metallica). I sentieri che solcano questo colle sono tutti di origine militare.

Ci sono molti elementi d'interesse: c'è il panorama circolare che comprende le Prealpi Venete, la Cima d'Asta, una parte del Lagorài e delle Pale di San Martino. C'è una grande fortezza in caverna scavata pochi metri sotto la cima del Col della Boia. Ci sono soprattutto le notevoli fioriture che hanno reso famoso questo modesto colle.

E' interessante notare che la zona della Forcella de la Cavallara segna un confine naturale geologico tra il Col del Boia (substrato calcareo-dolomitico di origine sedimentaria), il Palon de la Cavallara e il Gruppo di Cima D'Asta (rocce granitiche, di origine vulcanica). Molte specie vegetali possono vivere in entrambe queste formazioni rocciose, ma molte altre sono quelle specializzate che si trovano a loro agio esclusivamente su un substrato roccioso piuttosto che sull'altro.